Don Antonio e i suoi giudici. Storie criminali fra foro laico e foro ecclesiastico (Bologna, fine XVII-metà XVIII secolo)

By | agosto 26, 2016

Don Antonio e i suoi giudici. Storie criminali fra foro laico e foro ecclesiastico (Bologna, fine XVII-metà XVIII secolo) libro di Casanova Cesarina


Cesarina Casanova




SCARICARE (leggere online) LIBRO Don Antonio e i suoi giudici. Storie criminali fra foro laico e foro ecclesiastico (Bologna, fine XVII-metà XVIII secolo) PDF:

  • Don Antonio e i suoi giudici. Storie criminali fra foro laico e foro ecclesiastico (Bologna, fine XVII-metà XVIII secolo).pdf

  • Don Antonio e i suoi giudici. Storie criminali fra foro laico e foro ecclesiastico (Bologna, fine XVII-metà XVIII secolo): Nel 1742 le indagini che seguirono la morte di Maria Gentile Nanni, svelarono
    i vizi di don Antonio, fino a quel momento tollerati dall’autorità
    ecclesiastica, così come venivano tollerati quelli di molti altri preti del
    contado bolognese, restii ad adeguarsi ai modelli edificanti di comportamento
    considerati appropriati per i membri del clero. La cattiva fama di don Antonio
    e del suo degno figlio Lorenzo fece sì che venissero ritenuti capaci di
    uccidere la pia nuora e moglie, ma i processi celebrati sia nel foro laico che
    nel foro ecclesiastico non dissiparono del tutto il dubbio che la poveretta,
    pazza di gelosia e sfinita dai maltrattamenti del marito, si fosse gettata nel
    canale di sua volontà, come sosteneva l’avvocato difensore del prete e dei
    suoi figli. Quello di don Antonio non è l’unico esempio di sacerdote la cui
    vita non si conformava al modello edificante proposto ai giovani seminaristi
    dal concilio di Trento in poi: molti se ne incontrano fino alla metà del XVIII
    secolo, malgrado la repressione attuata durante i due secoli precedenti.

    In 1742 the investigations that followed the death of Maria Gentile Nanni, revealed the vices of don Antonio, until now tolerated by the Church authorities, as well as those of many other priests were tolerated in the countryside, reluctant to adapt to edifying models of behavior considered appropriate for members of the clergy. The bad reputation of don Antonio and his worthy son Lorenzo meant that were deemed capable of killing the pious daughter-in-law and wife, but the trials both in foro layman who in ecclesiastical forum not dispelled any doubt that the poor thing, crazy with jealousy and exhausted by her husband’s abuse, he was thrown into the channel of his will , as the defence lawyer of the priest and his sons. Don Antonio is not the only example of a priest whose life is not conformed to the model proposed by the Council of Trent to young seminarians uplifting onwards: many if they meet up in the middle of the 18th century, despite the crackdown during the two previous centuries.

    Informazioni bibliografiche

    Lascia un commento