Gli ultimi saranno i primi. La mia vita accanto ai dimenticati della Terra

By | settembre 30, 2016

Gli ultimi saranno i primi. La mia vita accanto ai dimenticati della Terra libro di Lapierre Dominique


Dominique Lapierre




SCARICARE (leggere online) LIBRO Gli ultimi saranno i primi. La mia vita accanto ai dimenticati della Terra PDF:

  • Gli ultimi saranno i primi. La mia vita accanto ai dimenticati della Terra.pdf

  • Gli ultimi saranno i primi. La mia vita accanto ai dimenticati della Terra: Parigi 1944. Dominique Lapierre ha tredici anni e ogni notte, insieme agli
    eroi dei suoi libri, scappa dalla città occupata dai nazisti per andare alla
    scoperta del mondo: Costantinopoli, Gerusalemme, Damasco, i deserti della
    Siria e dell’Iraq, gli altipiani dell’Afghanistan… Da sotto le coperte prega
    il dio della guerra perché nessuna allerta lo costringa a interrompere i suoi
    sogni. Che si avvereranno tutti, ma ancora non lo sa. L’anno dopo scopre gli
    spazi sconfinati dell’America, dove tornerà per frequentare l’università, e
    sarà solo l’inizio. Si sposa e si imbarca per una luna di miele intorno al
    mondo; parte per la Corea insieme alle Nazioni Unite. Da inviato di “Paris
    Match” viaggia sui fronti più caldi dell’attualità: attraversa la Russia in
    piena Guerra Fredda, a Napoli si presenta a Lucky Luciano, in un kibbutz nel
    deserto del Negev, Ben Gurion gli racconta le settimane cruciali della nascita
    di Israele. Poi l’incontro con l’India, e niente sarà più lo stesso: “Tutto
    quello che non viene donato va perduto” gli insegna Madre Teresa. Comincia per
    Dominique una seconda vita immerso nella realtà incredibile della “Città della
    gioia”: ogni sua giornata, ogni sua parola, tutta l’esperienza e la capacità
    di scrittore e di comunicatore che ha accumulato nei suoi anni di successi
    vengono poste al servizio degli ultimi della terra. In questo libro abbraccia
    l’intera avventura della sua vita, e riflette sui paradossi del mondo
    contemporaneo con l’umiltà di chi pensa di non avere nulla da insegnare.

    Informazioni bibliografiche

    Lascia un commento