Lo straniero nemico e fratello. Letteratura italiana e Grande Guerra

By | agosto 30, 2016

Lo straniero nemico e fratello. Letteratura italiana e Grande Guerra libro di Capecchi Giovanni


Giovanni Capecchi




SCARICARE (leggere online) LIBRO Lo straniero nemico e fratello. Letteratura italiana e Grande Guerra PDF:

  • Lo straniero nemico e fratello. Letteratura italiana e Grande Guerra.pdf

  • Lo straniero nemico e fratello. Letteratura italiana e Grande Guerra: La Prima guerra mondiale, passaggio d’epoca che ha diviso in profondità il
    mondo di prima dal mondo di dopo, ha segnato in maniera indelebile anche la
    letteratura, riuscendo ad essere il porto sepolto per i tanti che non fecero
    ritorno e un autentico spartiacque per chi, uscito incolume dall’inferno delle
    trincee, non poté riadattarsi ad una esistenza inevitabilmente mediocre. I
    poeti hanno partecipato alla guerra e la guerra è penetrata nelle loro pagine.
    Le forme della scrittura (dai taccuini alle memorie, dalle poesie ai racconti
    e ai romanzi, dalle commedie agli interventi giornalistici e alle lettere
    private), la distanza dal fronte dei letterati e delle loro opere (scritte in
    trincea, ma anche nelle retrovie o nelle città dove gli echi del conflitto
    giungevano attutiti), i tempi di elaborazione dei singoli testi (dalla
    scrittura “in diretta”, tra 1915 e 1918, alla riemersione del tema bellico, in
    più riposata memoria, nella letteratura del Novecento), il tema del rapporto
    tra i soldati italiani e il “nemico”: sono questi i nodi storico-critici che
    il volume affronta, proponendo – per la prima volta – un panorama completo
    sull’argomento, ideale introduzione allo studio della letteratura della Grande
    Guerra.

    The first world war, vintage step that has divided the world first from the world of after, marked indelibly literature, managing to be the port buried for many that they returned and a real watershed for who, released unharmed from the hell of the trenches, was unable to readjust to a mediocre existence inevitably. The poets went to war and war is penetrated in their pages.
    The forms of writing (from notebooks to the memories, from poems to short stories and novels, journalistic speeches and comedies at private letters), the distance from the front of writers and their works (written in the trenches, but also in the rear or in the cities where the echoes of the conflict came muffled), the processing time of individual texts (from the writing “live” between 1915 and 1918, surfacing of war theme, more rested memory, literature of the twentieth century), the theme of the relationship between the Italian soldiers and the “enemy”: these are the historical-critical nodes that the volume addresses, offering-for the first time-a complete overview on the topic, ideal introduction to the study of the literature of the great war.

    Informazioni bibliografiche

    Lascia un commento